Comatera2019

Home/Comatera2019

Basilicata Calling: i laboratori di comunità e la mostra finale

Dopo tre settimane di intenso lavoro si è concluso in Basilicata il programma euro-mediterraneo di residenza di co-creazione in memoria di David Sassoli “Creative Communities”. Ideato e finanziato da Fondazione Matera – Basilicata 2019 e Open Design School, il programma ha portato in Basilicata 4 gruppi di creativi europei con l’obiettivo di sviluppare sul territorio progetti di comunità, affiancati da imprese culturali e creative locali, ed insieme agli abitanti di Forenza, Rionero in Vulture, Stigliano e Tursi.

Un legame personale con l’Italia rurale

A Tursi (MT), Casa Netural ha affiancato, insieme all’associazione Tursi Digital Nomads, il collettivo italo-tedesco Happy Place, arrivato nel piccolo paese lucano per sviluppare il progetto “Basilicata Calling – Un legame personale con l’Italia rurale” e trasmettere a remote worker di tutta Europa il patrimonio immateriale locale (entrambi temi molto cari alla nostra associazione e sui quali lavoriamo da moltissimo tempo). 

basilicata calling

Dopo un primo incontro con la comunità, e una mappatura di saperi, ricordi e luoghi scolpiti nella memoria dei cittadini (qua il report sull’incontro), da cui è emerso che il più grande valore per la comunità di Tursi è la felicità dello stare insieme, il processo di co-creazione è proseguito attraverso incontri one to one con i singoli abitanti, al fine di prototipare laboratori a cavallo tra analogico e digitale e trasmettere il patrimonio immateriale del paese attraverso l’utilizzo di videocall.

Grazie agli incontri in particolare sono stati individuati tre temi principali: il ballo, il gioco e la cucina. Tutti elementi che come minimo comune denominatore hanno appunto lo stare insieme.

Maria e i rašcatèllë pupaccë e pomodori

Attraverso la prima videocall, Germán e Sara, residenti a Berlino, hanno incontrato Luciana e la signora Maria, che hanno raccontato Tursi attraverso uno dei piatti tipici della cucina del borgo: rašcatèllë pupaccë e pomodori. Fare la pasta in casa era una pratica molto diffusa in tutta Italia, con le persone più anziane che trasmettevano il metodo ai più giovani per poi pranzare tutti insieme, specialmente la domenica. Oggi questa è una pratica sempre meno frequente, che sopravvive principalmente in piccoli paesini delle aree interne come Tursi, e racconta un’Italia rurale che piano piano sta scomparendo.

rašcatèllë pupaccë e pomodori

Foto credit: @Happyplace

Foto credit: @Happyplace

Una partita a scopa e un bicchiere di vino con Diego e Nuccio

Nel secondo workshop virtuale il collettivo ha quindi fatto tappa nella cantina di Diego e Nuccio. Un’occasione per scoprire un altro tassello del patrimonio culturale del borgo, il gioco, ma anche uno dei suoi luoghi più affascinanti: la Rabatana, la parte più antica del paese oggi disabitata. 

Attraverso la videocall, i due tursitani hanno conosciuto Ramin, ragazzo tedesco residente a Berlino, condividendo con lui, tra un bicchiere di vino ed una partita a scopa, il piacere del gioco e della convivialità. Facendo due passi in paese infatti non è raro incontrare gruppi di persone che giocano a carte, magari su una panchina, mentre godono del sole pomeridiano.

Foto credit: @Happyplace

basilicata calling

Foto credit: @Happyplace

Gli expats italiani e la tarantella lucana

Durante il terzo laboratorio, Alessio, Barbara e Roberta, expats italiani a Berlino, hanno avuto infine l’occasione di imparare grazie alle giovanissime ballerine della scuola Queen’s, il ballo della tarantella, tipico delle regioni del Sud Italia. 

basilicata calling

Foto credit: @Happyplace

basilicata calling

Foto credit: @Happyplace

Tre laboratori coinvolgenti, in cui i protagonisti sono state le diverse generazioni di Tursi, con la propria dimensione umana, il proprio legame con la Basilicata, con il paese di Tursi, e la propria socialità. 

#PeopleOfTursi: la mostra finale, tra volti e storie tursitane

Oltre alle persone appena citate, durante il loro soggiorno a Tursi, Lucia, Umberto, Alexander ed Emanuele (questi i nomi dei membri del collettivo Happy Place), hanno incontrato molti altri abitanti, conoscendone le storie e le abitudini. Non capita spesso infatti che in paesi delle aree interne come Tursi arrivino tanti “stranieri” al di fuori della stagione estiva, e quando questo accade, la voglia di condividere con loro il proprio patrimonio culturale e farli sentire a “casa” diventa un impulso istintivo per la comunità. 

Per celebrare questa comunità abbiamo lanciato l’hashtag #PeopleOfTursi, un archivio digitale delle persone che compongono il grande puzzle dei tursitani: quelli che vivono nel paese, quelli che sono originari ma vivono altrove, quelli che sono stati nel cuore della comunità ma non ci sono più, i nomadi digitali e i remote worker e tutti coloro che anche se residenti in paese per poco tempo si sentono di Tursi

Venerdì 25 novembre, al termine delle tre settimane di residenza creativa, presso il Palazzo Monumentale fratelli Bruno (ex Municipio), abbiamo organizzato la mostra finale del progetto, invitando gli abitanti del paese e il resto della comunità lucana a ripercorrere le varie tappe del percorso di co-creazione compiuto, con i loro protagonisti (i cittadini) e i vari output prodotti (sani momenti di socialità generativa).

Una fine che in realtà rappresenta per noi un nuovo inizio, in quanto questa residenza creativa è stata non solo una bellissima occasione per sperimentare nuovamente il processo di co-creazione già vissuto attraverso Mammamiaaa (progetto coprodotto da Casa Netural e Fondazione Matera – Basilicata 2019), ma anche l’opportunità di incontrare di persona chi come noi lavora sul tema del remote working e della valorizzazione delle aree interne, come la giovane associazione Tursi Digital Nomads e i membri di Happy Place.

In questo senso, le residenze artistiche e creative si dimostrano ancora una volta un utilissimo strumento per smuovere l’immobilismo tipico di molti luoghi delle aree interne e una bellissima opportunità di incontro e creazione di nuove reti (qua un articolo del nostro partner Wonder Grottole sulle residenze artistiche sperimentate con il Nuoveau Grand Tour).

basilicata calling

#PeopleOfTursi: il grande puzzle della comunità tursitana

#PeopleOfTursi

Per la realizzazione del progetto “Basilicata Calling – Un legame personale con l’Italia rurale” il collettivo Happy Place sta esplorando il borgo di Tursi (qua un articolo sul loro viaggio) e in breve tempo i suoi abitanti, la socialità, la voglia di stare insieme sono diventati il centro della loro ricerca.

Proprio per celebrare la comunità del borgo, in collaborazione con Casa Netural e Tursi Digital Nomads, Happy Place ha lanciato l’hashtag #PeopleOfTursiun archivio digitale delle persone che compongono il grande puzzle dei tursitani: quelli che vivono nel paese, quelli che sono originari ma vivono altrove, quelli che sono stati nel cuore della comunità ma non ci sono più, i nomadi digitali e i remote worker e tutti coloro che anche se residenti in paese per poco tempo si sentono di Tursi. 

Un progetto aperto, un gioco, in cui ogni persona può sentirsi protagonista attraverso lo scatto o la raccolta di un’ immagine e la successiva pubblicazione della foto che racconta la persona, la sua storia connessa a Tursi, alla propria famiglia, al territorio e al proprio senso di appartenenza. 

Un living museum digitale che prende vita grazie alla partecipazione della comunità.

Tutti possono partecipare!

Per farlo basta condividere su Instagram: immagini, video, stories, reel, utilizzando l’hashtag #PeopleOfTursi. (more…)

Basilicata Calling: l’Italia rurale e la felicità dello stare insieme

E’ passata poco più di una settimana dall’inizio di “Comunità Creative”, il programma di residenza di co-creazione euromediterranea – In memoria di David Sassoli ideato da Fondazione Matera-Basilicata 2019 e Open Design School, e il progetto Basilicata Calling (di cui vi abbiamo parlato in questo articolo) ha già fatto passi da gigante.

Lucia, Emanuele, Alexander e Umberto (il collettivo Happy Place in foto), giunti nel piccolo paese di Tursi (MT) dalla Germania per creare un percorso digitale rivolto a telelavoratori europei ed expat italiani per connetterli con la cultura dell’Italia rurale, sono stati accolti dalla comunità locale con grande entusiasmo, ed hanno iniziato da subito a mappare il patrimonio materiale ed immateriale del borgo.

Di giorno lavorano nello spazio di coworking gestito dall’Associazione Tursi Digital Nomads, che ha avviato in paese un bellissimo progetto di accoglienza per nomadi digitali, e li supporta anche nell’organizzazione di incontri con i cittadini, il pomeriggio esplorano i vicoli di Tursi alla scoperta dei suoi abitanti e delle sue storie. 

Mercoledì 9 novembre, in particolare, presso la sala consiliare del Comune di Tursi si è tenuto un primo incontro aperto ai cittadini per iniziare il processo di co-creazione che porterà allo sviluppo del progetto artistico. All’incontro, al quale eravamo presenti anche noi di Casa Netural per affiancare il collettivo Happy Place, hanno partecipato molti membri della comunità tra cui il Sindaco e vari rappresentanti delle associazioni locali, e come spesso accade in questi casi, l’esito dell’incontro è stato incredibile. 

Il team di Happy Place ha invitato i cittadini ad aprire il proprio “cassetto dei ricordi”. Un tuffo nel passato – così lo ha definito Umberto, responsabile del collettivo – per capire meglio il presente e affrontare con coraggio il futuro. Sono emerse in questo modo una miriade di storie di infanzia, di amori e di amicizia, storie di un borgo insomma che non vuole perdere la propria memoria.  (more…)

Basilicata Calling: una nuova residenza artistica a Tursi

On Monday, Nov. 7, at Hubout (a coworking space and laboratory for social innovation of the Municipality of Matera) we were guests of the Matera-Basilicata 2019 Foundation and Open Design School for the official start of the project “Creative Communities,” Euro-Mediterranean Co-creation Residency Program – In Memory of David Sassoli

Creative Communities

Launched on June 26, the call for proposals promoted by Fondazione Matera-Basilicata 2019 and Open Design School saw the selection of four creative groups from all over Europe who, over the course of a three-week artistic residency, from Nov. 7-27, 2022, in Basilicata, will develop artistic projects “through a process of co-creation with the community and local creative and cultural enterprises.”

These are the common elements of the creative projects that will be developed:

  • Activating Communities;
  • Leaving a mark on the territory;
  • Art as a tool to change the perception of rural areas;
  • Cultural production in the service of social benefit.

comunità creative - david sassoli

The local communities and the creative projects

At the meeting, in addition to the young creatives selected by the call, were the mayors and the creative and cultural organizations of the hosting municipalities and the enterprises of the Lucanian creative scene (already Project Leader co-producers of Matera 2019) that will foster the co-creation process with the communities, including Casa Netural, which has been working for years on regeneration and social innovation projects in rural areas.

Forenza, Rionero in Vulture, Stigliano and Tursi are the four Lucanian municipalities selected by the committee to host the residencies.

(more…)

La Materia di Matera, un racconto del tufo e delle sue forme

Matera e i suoi Sassi sono ormai famosi in tutto il mondo.
Ma cosa sono questi cosiddétti sassi?

Nell’ambito del progetto Mammamiaaa, co-prodotto con Fondazione Matera-Basilicata 2019, e grazie a Confagricoltura Basilicata, abbiamo inaugurato “La materia di Matera”, una speciale installazione visivo tattile nel cuore della Capitale Europea della Cultura che aiuterà i visitatori a capire la materia di cui sono composti i Sassi.

la Materia di Matera

L’installazione visivo tattile, realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale C-FARA, mostra e racconta infatti diverse textures di calcarenite (impropriamente detta tufo), in maniera tale che chiunque possa toccare, percepire, e capire la sostanza di cui sono composte le tipiche abitazioni di Matera.

L’installazione, in particolare, presenta dei testi in braille per essere fruita in maniera tattile, e la possibilità di ascoltare messaggi audio tramite l’utilizzo di QRcode. (more…)

La materia di Matera – inaugurazione installazione 29/10/2019

Nell’ambito del progetto Mammamiaaa, co-prodotto con Fondazione Matera-Basilicata 2019, l’associazione Casa Netural, grazie a Confagricoltura Basilicata, è lieta di inaugurare “La materia di Matera”, una speciale installazione visivo tattile nel cuore di Matera.

La cerimonia di inaugurazione, aperta a tutti,  si terrà martedì 29 ottobre alle ore 11:00 presso il Belvedere Luigi Guerricchio, in Piazza Vittorio Veneto

la materia di matera _1920x1280px

L’installazione visivo tattile, realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale C-FARA, mostrerà e racconterà diverse textures di tufo, in maniera tale che tutte le persone possano toccare, percepire, e capire la materia di cui sono composti i Sassi.

L’installazione, in particolare, presenterà dei testi in braille per essere fruita in maniera tattile, e la possibilità di ascoltare messaggi audio tramite l’utilizzo di QRcode

Collocata presso il Belvedere Luigi Guerricchio, ” La materia di Matera ” sarà visitabile gratuitamente tutto il giorno tutti i giorni. (more…)

Sannio Falanghina 2019, la Città Europea del Vino a Matera

Con Mammamiaaa centinaia di pranzi, cene, merende sono realizzati ogni giorno in tutta Europa in uno spirito di autentica convivialità. Momenti speciali in cui mamme, papà, zii, cugini e nonni condividono storie di cibo e di famiglia. 

Per celebrare tutte queste storie di famiglia è nato a Matera “U Iurt”, learning garden e ricettario vivente in cui sono raccolte le piante che migliaia di famiglie utilizzano ogni giorno per le proprie ricette preferite.

Venerdì 12 luglio, grazie alla partnership con Sannio Falanghina 2019, Città Europea del Vino, e Sannio Consorzio Tutela Vini, il giardino di #Mammamiaaa sarà arricchito da un intero filare di Falanghina, uno tra i vitigni più antichi e rappresentativi di tutto il Sud Italia, la grande ambasciatrice del vino della regione Campania.

Seguirà una speciale degustazione di Falanghina! Un vino bianco accattivante la cui vera carta vincente è la straordinaria versatilità. Si può infatti assaporare nelle versioni secco, spumante, passito e vendemmia tardiva, regalando sempre grandi emozioni.

 

sannio falanghina 2019 matera - mammamiaaa

Sarà un evento gratuito ed aperto al pubblico, al quale sono invitati tutti gli abitanti ed i cittadini temporanei di Matera 2019. E la community di Casa Netural non può proprio mancare!! (more…)

InstameetMatera2019, Igers Italia a Matera con Mammamiaaa

Evento speciale a Casa Netural con Mammamiaaa e la community di Igers Italia!

Nelle giornate del 6 e 7 luglio, in occasione dell’imminente InstameetMatera2019, gli Igers di tutta Italia a Matera vivranno la città in maniera insolita e la racconteranno attraverso fotografie. 

Il 6 luglio in particolare i membri del direttivo di Igers ed i regional manager delle community di tutta Italia, saranno ospiti di Casa Netural per partecipare in prima persona a Mammamiaaa, condividendo le loro ricette e storie di famiglia, e i cittadini di tutta Italia sono invitati a seguire i loro racconti ed unirsi al progetto, partecipando dalle proprie case. Un bellissimo momento per celebrare tutti insieme il cibo e le relazioni!

Mammamiaaa Igers Italia Day Matera

Mammamiaaa è un progetto di Matera 2019, Capitale Europea della Cultura, coprodotto da Casa Netural e Fondazione Matera Basilicata 2019. Celebra il cibo e le relazioni con cui diverse comunità in tutta Europa consumano, producono e conservano il cibo nella loro vita quotidiana. Parla di connessioni con il territorio e crea un ponte tra le generazioni. (more…)

A Matera inaugurato U Iurt di Mammamiaaa

Grande successo a Matera per l’evento inaugurale di “U Iurt ” il giardino di Mammamiaaa, progetto coprodotto da Fondazione Matera-Basilicata 2019 e Casa Netural.

Molti i presenti per scoprire in anteprima quello che sarà un nuovo punto di riferimento per tutti gli abitanti ed i cittadini temporanei di Matera 2019, con tanti eventi aperti a tutta la famiglia.

u iurt di mammamiaaa

In un primo momento, presso l’Istituto Comprensivo Fermi, è stato presentato il nuovo “learning garden” che il progetto ha donato alla scuola. Un orto didattico dedicato ai bambini, in cui i più piccoli potranno avere un primo approccio esperienziale con la terra, imparando le basi della coltivazione e quanto sia importante prendersi cura del cibo che mangiamo ogni giorno.

Mammamiaaa infatti, celebra il cibo e le relazioni con cui le comunità lo consumano, producono e preservano nella loro vita quotidiana. Racconta di connessioni con i territori e crea un ponte tra le generazioni. www.mammamiaaa.it (more…)

10 maggio: a Matera inaugura U Iurt, il giardino di Mammamiaaa

Il 10 maggio in occasione della festa della mamma a Matera si terrà l’inaugurazione di “ U Iurt ”, il giardino, ricettario vivente di Mammamiaaa, progetto co-prodotto da Fondazione Matera-Basilicata 2019 e Casa Netural.

Mammamiaaa celebra il cibo e le relazioni con cui le comunità lo consumano, producono e preservano nella loro vita quotidiana. Racconta di connessioni con i territori e crea un ponte tra le generazioni. www.mammamiaaa.it

U lurt de mammamiaaa

In un mondo in cui il cibo diventa prodotto, il progetto vuole ricordare che il cibo e la terra non sono solo qualcosa da consumare, ma in prima istanza luogo di relazioni umane.

L’inaugurazione inizierà la mattina alle ore 11,00 presso l’Istituto comprensivo Fermi a Matera e vedrà insegnanti, bambini e genitori coinvolti nella piantumazione degli orti. Un vero e proprio “Learning Garden” per offrire ai piccoli alunni nuovi percorsi educativi imparando a coltivare la terra e osservando i sistemi viventi. (more…)