Mostra "La Fragile Bellezza": il museo che dialoga con il territorio - Casa Netural: coworking, coliving, incubatore a Matera.

Mostra “La Fragile Bellezza”: il museo che dialoga con il territorio

Home/Arte, Casa Netural, Exploring Basilicata, Wonder Grottole/Mostra “La Fragile Bellezza”: il museo che dialoga con il territorio

Mostra “La Fragile Bellezza”: il museo che dialoga con il territorio

Dal 30 luglio al 20 settembre 2021 a Matera, presso la Chiesa del Carmine (la chiesa annessa al museo di Palazzo Lanfranchi), sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 20.00 la mostra “La fragile bellezza. Nuove visioni per la Chiesa Diruta”.

Un’iniziativa frutto della collaborazione tra Wonder Grottole, Casa Netural ed il Museo Nazionale di Matera sede di Palazzo Lanfranchi per aprire il museo sul territorio e valorizzare il patrimonio “Fragile Lucano”, attivando un rapporto sinergico con soggetti pubblici e privati.

Nasce così un museo che dialoga con il territorio, che si apre alla ricerca, alle nuove visioni per generare un racconto innovativo della Basilicata. Un museo in cui il locale incontra il globale, il materiale, l’immateriale, e il
passato incontra il futuro.

la fragile bellezza mostra

La Mostra

A Grottole la chiesa dei Santi Luca e Giuliano, comunemente detta Chiesa caduta o diruta, è un gioiello silenzioso che aspetta solo di essere scoperto.

A novembre 2020 ReUse Italy, impresa nata per porre l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema del riuso del patrimonio architettonico abbandonato, e Wonder Grottole, impresa sociale per valorizzare il centro storico del piccolo borgo in provincia di Matera, lanciarono il concorso internazionale di idee Re- use The Fallen Church, per il riuso della “Chiesa Diruta” a Grottole, mai compiuta, e abbandonata a seguito di vari terremoti e incendi.

Il concorso, aperto ad architetti, ingegneri e studenti, ha chiesto ai partecipanti di trasformare la rovina in un centro per concerti. Alcune delle oltre 550 visioni giunte da tutto il mondo per ridare vita alla Chiesa Diruta di Grottole, saranno accolte al Museo Nazionale di Matera per raccontate un contesto storico della Basilicata diverso e fino ad oggi sconosciuto ai più.

Una delle rovine più scenografiche del Sud Italia si aprirà in questo modo ai visitatori per ricongiungere la Città dei Sassi con i borghi dell’entroterra e generare un racconto di rinascita e di sostenibilità che parte dal dialogo e dal tessere nuove narrazioni e reti.

La mostra, quindi, diventa simbolo per dare forza alla fragilità e partendo dalla bellezza al tempo stesso diventa cuore pulsante della missione di sviluppo sostenibile.

“Il progetto, in sintonia con le politiche culturali del Museo Nazionale di Matera, che intende aprirsi al territorio e valorizzare il patrimonio fragile lucano e allo stesso tempo incentivare il rapporto sinergico con soggetti pubblici e privati operanti sul territorio, ha particolare rilievo, soprattutto in questo contesto storico, in cui è necessario un impegno condiviso per una rapida ripresa.” (Arch. Annamaria Mauro, Direttore del Museo Nazionale di Matera)

Link Utili

Virtual tour della Chiesa Diruta 

Competition Trailer

\

Il concorso Re-use The Fallen Church è stato realizzato in partnership con ArchDaily, KooZA/rch e Graphisoft, e patrocinato dal Comune di Grottole (Matera), Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Regione Basilicata, APT Basilicata, FAI Basilicata, Matiff Matera International Film Festival, ANCI Basilicata, Associazione Borghi Autentici d’Italia, Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Matera.

La giuria internazionale è stata composta da: Adam Nathaniel Furman, Emanuele Fidone, Assemble Architects, Diego hernandez (ArchDaily), Simone Bossi, Graca Correia & Roberto Ragazzi (Correia Ragazzi Arquitectos), Andrea Paoletti (Wonder Grottole), Wenqiang Han (Archstudio), Eric de Broche des Combes (Luxigon), Jaume Mayol & Irene Pérez (TEd’A arquitectes).

Leave A Comment

Compila l\'espressione prima di inviare: *