Perché mi sono innamorato di Casa Netural (ovvero la rivincita di Pollyanna) - Casa Netural: coworking, coliving, incubatore a Matera.

Perché mi sono innamorato di Casa Netural (ovvero la rivincita di Pollyanna)

Home/Casa Netural, Coliving, FantaLucania/Perché mi sono innamorato di Casa Netural (ovvero la rivincita di Pollyanna)

Perché mi sono innamorato di Casa Netural (ovvero la rivincita di Pollyanna)

di Massimo Potì

Ho un difetto, io: tendo ad avere aspettative stellari nei confronti di qualsiasi cosa. Continuo a ripetermi che così non va, che così facendo corro il rischio di non apprezzare ciò che di buono ho davanti agli occhi, ma niente da fare: sono un inguaribile ottimista, ho una fiducia incrollabile nel futuro, nelle persone appena conosciute, nei progetti appena partiti.
Ecco perché dal momento in cui ho deciso che sarei andato a Matera per una settimana di Co-living in Casa Netural partito il solito lavorio cerebrale, clamorosamente e puntualmente inefficace del resto, per abbassare il più possibile le magnifiche sorti e progressive che continuavo a immaginarmi all’orizzonte.

IMG_3555

Ma questa volta, è stato diverso, perché per la prima volta nella mia vita la Pollyanna con gli occhi foderati di glitter e arcobaleni non solo ha avuto ragione ma addirittura è stata superata dai fatti: insomma, senza tanti giri di parole, il mio Co-living è stato un’esperienza indimenticabile su tutti i fronti, lavorativo, personale, umano, nessuno escluso. Lo so, già vedo alcuni storcere il naso davanti allo schermo e farsi di me l’immagine di uno sciocco semplicione, un collezionista di buone intenzioni e belle parole. Bene, allora faccio parlare i fatti.

IMG_3548

L’obiettivo numero uno era mettere alla prova il mio progetto: colpito e affondato. Da un annetto a questa parte sto lavorando a una serie di laboratori per bambini per insegnare ai bambini dai 6 ai 10 anni a stare sul web in maniera creativa e responsabile senza bisogno di aule informatiche ma solo ed esclusivamente con l’aiuto del teatro e dell’arte della narrazione (se vuoi saperne di più, puoi dare un’occhiata qui). Nelle settimane precedenti al mio co-living, Mariella e Andrea si sono dati da fare come mai per organizzare incontri, appuntamenti, interviste, confronti, qualsiasi cosa insomma potesse aiutarmi a validare la mia idea: ho parlato con presidi, educatori, psicologi, ho tenuto due laboratori per bambini e un workshop per insegnanti. Sono tornato a Torino con un bagaglio colmo di suggerimenti, idee e buone pratiche e soprattutto con un progetto più solido, finalmente pronto per i passi successivi.

IMG_3515

L’obiettivo numero due era trovare nuovi contatti lavorativi: colpito e affondato. Tanti, tutti vivi e proficui, tutti cresciuti nel brodo primordiale di idee e persone che è Casa Netural. Funzionava così: attorno a un tavolo, magari con un caffè in mano, per raccontare la propria esperienza e da lì provare a capire in che modo il background degli uni potesse aiutare gli altri. Zittisco Pollyanna e faccio parlare i fatti: nei sette giorni passati a Matera sono nati un laboratorio di inglese per bambini con Scratch nell’ambito del progetto Netural Talk di Mariateresa Paulicelli e Candice Keller; un altro per avvicinare i bambini al folklore locale e all’arte della narrazione con Marilena Scalcione di Fantalucania; un progetto di arte diffusa ancora top secret. Tre progetti in una settimana, ditemi voi se vi sembra poco.

IMG_3585

L’obiettivo numero tre era mettere in comune: di nuovo, colpito e affondato. Sto ricevendo così tanto da tutti, ho pensato, che il minimo che posso fare e sdebitarmi e mi sono proposto per delle micro consulenze da una mezz’oretta sul social media marketing. Fatelo anche voi: se avete qualcosa, mettetela subito in comune. Al di là del vecchio adagio che insegnando si imparano sempre cose nuove, è bastato questo semplice gesto per farmi entrare in contatto con altre persone, e con le loro idee, imperdibili: è così che ho conosciuto Pleroo ed è così che ho avuto uno spaccato di un territorio, il materano e l’Alta Murgia, nel quale non vedrete l’ora di perdervi.

IMG_3616

Dulcis in fundo, i rapporti umani, che non si giudicano con un assessment ma dalla voglia di rivedere quella persona o meno. Ed io vi dico solo che quest’estate mi sono aggiustato le ferie per tornare a Matera e riabbracciare tutti quelli che ho incontrato.

In breve, meglio di così non poteva davvero andare.

Leave A Comment

Compila l\'espressione prima di inviare: *