condivisione

Home/Tag: condivisione

Il 2018 è alle porte, entra nella community di Casa Netural!

Il 2017 di Casa Netural, è stato pieno di persone, iniziative, incontri memorabili, alcuni divertenti, altri più seri, ma sempre fatto di storie positive!

Il 2018 sarà, da subito, pieno di attività e momenti di crescita per tutta la community, come sempre all’insegna della condivisione e della collaborazione. Dichiariamo quindi aperta la campagna di tesseramento per il nuovo anno, e invitiamo tutti a leggere quanto segue, non perdetevi nemmeno un evento!

Anche per il 2018 la quota è di 30€.

Ogni associato avrà i seguenti benefit:

      • riceverà la Netural Card (che offre sconti in ben 29 attività di Matera e non solo)
      • avrà la possibilità di partecipare ai 2 appuntamenti mensili di formazione della Netural School
      • avrà la possibilità di prototipare i propri progetti e idee con l’Incubatore Netural
      • potrà partecipare al pranzo / cena mensile degli associati, bel momento di scambio e networking
      • avrà accesso a un gruppo Facebook dedicato per conoscere gli altri associati, condividere progetti, idee e fare amicizia
      • avrà la possibilità di incontrare gli ospiti del coliving
      • possibilità di accedere a opportunità dedicate ai soli associati
      • accesso al coworking e agli spazi di Casa Netural a prezzi agevolati   

La quota associativa è un aiuto fondamentale per sostenere la nostra Casa e creare ogni giorno storie positive.

Per associarsi o per regalare la tessera è possibile:

  • farlo personalmente a Casa Netural dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 19,00.
  • versare un bonifico alle seguenti coordinate
    “Casa Netural
    iban: IT22G0335901600100000137360
    BIC: BCITITMX
    Banca Prossima
    Indicare nome e cognome e causale versamento”

Casa Netural

Il 2017 è stato davvero positivo, ecco un po’ di numeri..

-140 associati
-20 pranzi e cene degli associati
-21 corsi e workshop
-19 appuntamenti Netural School
-2 grandi eventi (Matera Design – Wonder Grottole, Il Quartiere Ri-luce)
-34 eventi
-3 presentazioni di libri
-2 Netural Walk
-24 incontri Bibliomater
-1 percorso di orientamento e alternanza scuola lavoro
-41 ospiti nel Coliving
-5 progetti incubati
-8 partecipanti al Costudying
-1 assemblea degli associati
-1 tirocinio attivato con Crescere in Digitale
-1 assunzione a tempo inderterminato
-2 partecipanti al Servizio Volontario Europeo
-1 stage con Master Relational Design
-1 big party per i 5 anni di compleanno

Il 2018 sarà ancora più bello.
Unitevi a noi, la porta di Casa Netural è sempre aperta!

community casa netural

coliving casa netural matera

A Matera piantiamo il futuro ad Agoragri

Casa netural, partner di Agrinetural vi invita insieme all’artista Alex Wilde a piantare il futuro di Agoragri e a partecipare all’inaugurazione ufficiale di questo nuovo parco urbano per tutti, tra Via dei Normanni e viale Italia a Matera. 

eventi orto agoragri matera

Dal 16 al 21 settembre 2017 
Piantiamo il futuro di Agoragri con Alex Wilde | Inaugurazione Ufficiale
Eventi, workshop e azioni concrete ad Agoragri
presso Agoragri, parco urbano tra via dei Normanni e viale Italia, Matera

Da qualche mese la città di Matera si è arricchita di un nuovo straordinario spazio verde: Agoragri, un parco urbano pubblico con un orto sinergico, un teatro di paglia, degli orti familiari e un padiglione di legno per gli eventi. Dal febbraio 2017 l’ Associazione Agrinetural ( www.agrinetural.it ), nata nel 2013 con l’obiettivo di capire e sviluppare un metodo operativo per riqualificare gli spazi verdi abbandonati e/o inutilizzati delle città, attraverso numerose attività, corsi ed eventi, ha progettato e guidato la rigenerazione di un’area di mezzo ettaro fino a quel momento in degrado. (altro…)

Casa Netural diventa MateraFriendly.

Fin dalla sua nascita Casa Netural cerca di rompere ogni tipo di barriera, facendo della condivisione e della convivenza il suo punto di forza, ed è proprio seguendo questa visione che siamo lieti di annunciare la nostra adesione a Matera Friendly.

Casa Netural diventa Matera Friendly

Questo nuovo circuito creato dall’Associazione Risvolta riunisce attività commerciali, culturali e strutture turistico-ricettive, sotto il comune intento di impegnarsi ad abbattere qualsiasi forma di discriminazione legata all’orientamento sessuale e di riconoscere e accogliere le persone e le coppie LGBT e le famiglie omogenitoriali.

Da sempre tra Casa Netural e Risvolta c’è una grande intesa, frutto dell’amicizia e della stessa voglia di creare un futuro più inclusivo e condivisibile, basato sulla cultura, il rispetto e l’accoglienza per cui il passo è stato spontaneo. Insieme abbiamo già fatto tanta strada, e non vediamo l’ora di farne ancora.  

MateraFriendly è un treno diretto verso nuove pratiche e nuove forme di relazione e noi siamo già saliti a bordo.

QUA la descrizione integrale del progetto.

Casa Netural e Materahub insieme per condividere innovazione e creatività

Il 2016 porta con sè una nuova partnership per due realtà materane impegnate da anni sul tema dell’innovazione sociale e della creatività: Casa Netural e Materahub.

casa netural matera hub partner

Già impegnate in importanti iniziative internazionali di sviluppo dell’imprenditorialità nel settore creativo e dello sviluppo di comunità, Casa Netural e Materahub hanno deciso di puntare sulla collaborazione per trasferire sul territorio di Matera e della Basilicata strumenti efficaci a sostegno dell’innovazione e della creazione d’impresa.

Le due organizzazioni hanno deciso di condividere le loro rispettive metodologie per coinvolgere molte più persone e imprese lucane e supportarle nella loro crescita professionale. (altro…)

Netural FARM per portare un pezzo di campagna in città!

 

Il 12 febbraio 2016 Casa Netural, l’ Ass. La Leggera e i produttori di Campo Libero inaugurano il nuovo spazio Netural Farm per portare un pezzo di campagna in città e presentano il GaoS (Gruppo di Acquisto ed Offerta Solidale): una possibilità per fare insieme la spesa a km 0 e 0 rifiuti, direttamente da piccoli produttori agricoli locali, e partecipare a degustazioni, cene e incontri di approfondimento su cibo sano, agricoltura e sostenibilità.

Dal 12 febbraio, ogni venerdì, sarà possibile, aderendo al GaoS, prenotare frutta, verdura, legumi, vino, pasta, cereali, olio, e tanti altri frutti della terra che sono stati coltivati senza l’utilizzo di prodotti chimici di sintesi (pesticidi, fungicidi, fertilizzanti, diserbanti, anticrittogamici) e OGM.

neturalfarm

Netural Farm sarà il luogo in cui incontrare anche tante storie di innovazione sociale in agricoltura, italiane e internazionali.

(altro…)

Uno spazio collaborativo per quelli che fanno il cambiamento, a Matera!

di Andrea Paoletti

Credete che la collaborazione possa cambiare il mondo?

A inizio 2013 su tutti i giornali è esplosa la notizia dei co-working, spazi ufficio in condivisione nelle grandi città per battere la crisi! Questo perchè il Comune di Milano sta per creare un elenco di spazi di co-working qualificato e un bando per l’erogazione di un contributo economico di 200.000 euro a favore di giovani coworkers.

Normalmente scrivo in inglese di questo argomento su Shareable ma credo sia arrivato il momento di passare all’italiano anche per spiegare perchè Casa Netural più che un co-working è uno spazio di collaborazione!

image

Sono un osservatore curioso, un networker e architetto e questo è il motivo per cui ho iniziato a disegnare spazi collaborativi. Dopo aver lavorato per alcuni anni per studi internazionali mi sono sentito troppo limitato all’interno di quegli ambienti. Poco spazio per esprimermi, troppi limiti a idee possibili. La mia storia è fatta di pura serendipità (vocabolo che adoro!). Durante la stesura di un concept per un cliente privato, ero alla ricerca di alcune informazioni in un libro che si chiama World Changing e mi ritrovai di fronte a un capitolo che parlava di The Hub, un tipo diverso di co-working. Stavano aprendo uno spazio a Milano e li contattai. Mi invitarono a far parte del processo di co-creazione che mi diede l’opportunità di condividere, imparare e sperimentare nuove idee su come progettare un ambiente collaborativo.

Quello che imparai è che The hub non è semplicemente uno spazio di “coworking”, perché non si tratta solo di un ufficio condiviso con tavoli e computer, ma è uno spazio collaborativo che cerca di unire e coinvolgere le persone e le loro idee. Dove per aprirsi al cambiamento ogni persona deve lasciarsi alle spalle tutte le regole apprese fino a quel momento e prendere nelle sue mani il potere di scelta e la libertà che gli competono per creare quello che più desidera. E questo è possibile unendo spazio e persone insieme.

image

C’è bisogno di spingere le persone a diventare attive e di incoraggiarle ad ottenere risposte creative. Gli utenti devono ri-appropriarsi dello spazio attraverso la conversazione. Conversazioni con significato. Attraverso questo processo, lo spazio potrà generare una comunità, mescolando i confini che separano i diversi tipi di utenti e facendo perno su queste differenze per creare risultati unici. Uno spazio collaborativo ha il potere di innovare proprio attraverso la collaborazione.

Su Vita ho letto che “fare un lavoro che abbia un forte impatto ambientale e sociale rimane la priorità dei giovani che si affacciano sul mercato del lavoro americano.” E in Basilicata? Inoltre c’è scritto “Gli imprenditori sociali non possono cambiare il mondo da soli. Hanno bisogno di direttori dello sviluppo, esperti della comunicazione, volontari e sostenitori.” Vogliamo costruirla questa squadra?

Ho lavorato in diversi contesti culturali e testato cose da diversi punti di vista. Ho imparato che, anche se lavoriamo in un ambiente collaborativo, non significa necessariamente che stiamo lavorando insieme. La collaborazione può essere insita nell’attitudine di una persona, ma la maggior parte delle volte non lo è. La collaborazione è il momento magico in cui facciamo un passo al di là delle nostre esigenze individuali (guadagno economico, raggiungimento di un obiettivo, far parte di qualcosa, ecc) per co-creare e aiutare a realizzare un valore condiviso che assume una importanza maggiore. E’ importante per questo incoraggiare uno spazio di apprendimento e coinvolgere gli utenti in tutti gli aspetti della sua creazione.

Per questo motivo mi sono trasferito in Basilicata. Per iniziare a co-creare il primo spazio di collaborazione per l’innovazione sociale, Casa Netural, in un contesto molto interessante, dal mio punto di vista pieno di fascino e opportunità, pieno di contraddizioni culturali e paesaggistiche. E con un gruppo di partecipanti stiamo sperimentando di portare questo modello di business in Basilicata affinchè diventi prototipo per diversi territori provinciali e rurali con caratteristiche simili.

image

L’obiettivo è quello di generare nuove possibilità creative per la popolazione della regione cercando di connetterla con il mondo, ma come si fa? Matera (città da cui siamo partiti) può diventare un nodo locale per catalizzare il cambiamento, incoraggiando le persone verso nuovi modi di fare le cose. Il cuore del progetto è quello di connettere le persone a livello locale e a livello globale che condividono la stessa voglia di fare la differenza. I modelli, progetti locali di cambiamento che sono raggruppati e resi visibili qui possono essere diffusi in altre città e continenti grazie a rapporti tra vari spazi collaborativi simili e la rete trans-locale dei membri. Mettendo in moto delle cose possono succedere improbabili collegamenti, queste relazioni e reti hanno una forza enorme nel ridisegnare il modo in cui vengono progettate e realizzate le cose nella società.

Alex Giordano in un bell’articolo ci racconta come “La condivisione non è solo una strategia intelligente, è necessaria per la nostra sopravvivenza come specie.” E ci regala in free download (al prezzo di un semplice tweet) la traduzione italiana di “Share or Die” (Condividi o Muori).

In un ambiente di condivisione lo spazio aiuta a rendere reale l’ impatto offrendo un mix unico di infrastruttura, connessione, educazione, incubazione e ispirazione. Svolge un ruolo attivo nel lavorare con persone che vogliono trasformare le loro idee da pura immaginazione a azione con impatto. Chiunque è interessato a far parte di questo spazio di collaborazione ha idee che portano a soluzioni significative per sfide sociali, economiche ed ecologiche. Il cuore del progetto sta nella condivisione degli stessi valori: la fiducia, la collaborazione e il coraggio.

image

Questo è il momento affinchè le persone comincino a lavorare insieme, andando oltre le divisioni artificiali, per migliorare una realtà condivisa. Le buone collaborazioni nascono da un clima di rispetto reciproco, apertura mentale, e la volontà e la capacità di lavorare insieme. Dobbiamo adottare la collaborazione non solo come utilità, ma come parte integrante del processo. Con la consapevolezza che una comunità interdisciplinare di persone di talento e di fiducia, con background diversi, è in grado di creare grandi progetti per la comunità locale e anche per il mondo.

Oltre a singoli individui anche le aziende stesse stanno capendo quanto lavorare in spazi di collaborazione sia utile, approfondite qui.

Questo è il motivo per cui vogliamo che la mente e le mani delle persone siano coinvolti nel processo, per costruire uno spazio che incarni la visione della comunità! Per noi è importante il motto “learn by doing” (imparare facendo)!
L’abbiamo già fatto in passato e lo faremo ancora, inviteremo la comunità a partecipare attivamente a sessioni di co-creazione, e usare la ricca diversità di idee e prospettive. Insieme daremo vita a identità, usi e personalità unici per lo spazio.

image

La facilitazione di questi momenti si chiama ‘co-creazione’, un processo che esplora un insieme di idee imprevedibili e sorprendenti e che aiuta a ripensare lo spazio rispondendo alle esigenze della comunità. E’ molto eeficace perchè crea un senso di appartenenza e rimane sempre aperto a nuovi suggerimenti.

Mi piace l’idea che lo spazio non sia solo un contenitore in cui mettere degli oggetti. Vogliamo coinvolgervi ad agire nello spazio e incoraggiarvi a trovare risposte creative. Qualcosa di veramente straordinario!

E’ un’avventura, non sapremo cosa lo spazio diventerà alla fine del processo perchè siamo concentrati sul viaggio e non sull’immagine finale.

Il vostro ruolo è fondamentale, la creazione incrociata renderà lo spazio più umano, spontaneo e flessibile, e questo renderà le persone più creative e promuovendo discussioni che avranno un ruolo essenziale nel processo di sviluppo, abbatteremo muri e stimoleremo la collaborazione. 

Questo è il momento per Casa Netural per cominciare sul serio!

Facciamolo!


gennaio 15th, 2013|Categories: Casa Netural|Tags: , , , , , , , , , , , , |Commenti disabilitati su Uno spazio collaborativo per quelli che fanno il cambiamento, a Matera!