cultura

Home/Tag: cultura

Mammamiaaa Day Europe 24 novembre 2018

Creare una connessione sempre più forte tra la Basilicata e tutta Europa è uno degli obiettivi principali del programma culturale di Matera 2019, Capitale Europea della Cultura.

Il 24 novembre 2018 proprio per celebrare questa visione si terrà un Mammamiaaa Day Europe, un evento speciale che coinvolgerà le famiglie di tutta Europa.  

mammamiaaa day europe

Mammamiaaa è uno dei progetti di Matera 2019, realizzato in coproduzione dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 e Casa Netural. Una celebrazione del cibo e delle relazioni con cui le comunità consumano, producono, preservano il cibo nella loro vita quotidiana. Racconta di connessioni con i territori e crea un ponte tra le generazioni.

Molte persone hanno già partecipato in tutta Italia entrando a far parte della grande community di Mammamiaaa condividendo storie di famiglia e ricette dalle proprie case. Il 24 novembre in occasione della giornata del vicinato nella città di Leeuwarden, che vedrà i cittadini Olandesi ospitare nelle proprie case i rappresentanti delle varie Capitali Europee della Cultura , il progetto verrà lanciato ufficialmente a livello Europeo con un Mammamiaaa Day Europe.

Da tutta Europa chiunque potrà partecipare al progetto, condividendo una ricetta di famiglia e una storia legata ad essa. 

(altro…)

John Thackara e Mammamiaaa a Terra Madre, Salone del Gusto

Il 22 settembre 2018 alle ore 18:00 a Torino, in occasione di Terra Madre Salone del Gusto, uno dei più grandi eventi internazionali dedicato al cibo e alle comunità, lo scrittore e teorico del design John Thackara terrà un talk per illustrare come il design possa creare soluzioni per consumare meno, condividere le risorse e migliorare la qualità della vita.

A servizio dei sistemi locali: dalle transizioni alle connessioni.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

john thackara

Da sempre impegnato a risolvere in modo creativo problemi come la contaminazione del suolo, lo spreco, la perdita di biodiversità, la distribuzione del cibo, John Thackara racconterà i suoi ultimi progetti e come la cultura e le nuove connessioni sociali siano la base per il cambiamento.

La cultura per John Thackara svolge un ruolo chiave nel ricordarci che il cibo riguarda le relazioni, non solo il mero sostentamento, ed è un potente motore di riconnessione con la terra, tra le persone e tra le generazioni.

A questo proposito Thackara illustrerà al pubblico Mammamiaaa, progetto coprodotto da Matera 2019, Capitale Europea della Cultura, e Casa Netural, che celebra il cibo e le relazioni che crea tra le persone e le comunità.

mammamiaaa

“Mammamiaaa celebra il cibo e le relazioni che crea tra le persone: vogliamo organizzare migliaia di cene a Matera e in tutta Europa per raccontare le storie e la cultura culinaria di migliaia di famiglie, per poi condividerle in tutta Europa e conservarle in un archivio online. Inoltre, creeremo un orto come eredità a lungo termine del progetto.

Stiamo anche creando una piattaforma per coloro che chiamiamo “social food curators” ossia persone che partecipano all’ideazione di progetti alimentari con cittadini locali. In questo momento, i produttori di cibo sociale sono sparpagliati e non connessi. La piattaforma agevolerà il lavoro dei curator, portandolo in posti nuovi e con nuovi partner”

Un appuntamento assolutamente da non perdere.

Mammamiaaa, progetto di Matera 2019 e Casa Netural, cerca partecipanti in Basilicata!

Mammamiaaa, il progetto di Matera 2019 e Casa Netural, invade la Basilicata!
Per tutto luglio si cercano partecipanti da tutti i comuni lucani!

Il progetto, coprodotto da Matera 2019 e Casa Netural in collaborazione con IdLab, ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale della famiglie di tutta Europa, e si sviluppa attraverso la realizzazione di speciali cene / social dinner da parte dei cittadini per raccogliere migliaia di storie di famiglia a tavola. Cultura materiale da mangiare e tramandare www.mammamiaaa.it

Per tutto il mese di luglio si cercano partecipanti in tutti i 131 comuni lucani.

Mammamiaaa

Partecipare è molto semplice!
Tutto quello che serve è una ricetta con una storia da raccontare. Si organizza una cena invitando la propria famiglia e i propri amici, e chiedendo ad un amico di portare con sé un ospite sconosciuto. La persona che organizza la cena prepara la pietanza principale, e gli invitati portano cibo e bevande per completare il menu. Durante la preparazione e la cena, tutto viene registrato con fotografie e video per poi essere condiviso sui social media, Mammamiaaa a sua volta condividerà sui suoi canali, e il cuoco entrerà a far parte della grande community di Mammamiaaa.

➤ Come si partecipa? Per partecipare è sufficiente registrarsi a questo link https://bit.ly/2JBI528 e scegliere la data in cui si vuole organizzare la propria cena. Sul sito è possibile scaricare le regole per una perfetta cena #Mammamiaaa! (altro…)

Incubatore Netural: Francesca Lavagnini, e il MEAC - Museo Esperienziale di Arte Condivisa

Francesca Lavagnini è una giovane amante dell’arte e dei processi di rigenerazione urbana, che ha deciso di prendersi un momento e concentrarsi su quella che è la sua passione, per trasformarla in qualcosa di concreto, un nuovo lavoro. Pochi giorni fa è stata ospite del nostro coliving e ha partecipato all’Incubatore Netural,  per iniziare a sviluppare la sua idea e muovere i suoi primi passi nel mondo del fare impresa. Scoprite la sua esperienza in questa intervista.

Francesca Lavagnini, Incubatore Netural, MEAC

Ciao Francesca, ci racconti chi sei?
Ciao, mi chiamo Francesca ho 32 anni e sono di Latina. Sono laureata in Architettura e Arredamento degli Interni, ma dopo diverse esperienze lavorative poco o per nulla soddisfacenti, sto indagando su ciò che realmente mi interessa e appassiona… l’arte! In tutte le sue forme, ma principalmente quando diventa strumento per rigenerare una comunità.

Perché hai deciso di partecipare all’incubatore Netural? Quale progetto stai sviluppando?
(altro…)

Mammamiaaa: Matera 2019 e Casa Netural al Milano Food City

Pochi giorni fa Andrea, Sonia e Samuele sono stati a Milano per il lancio di Mammamiaaa, progetto di Matera 2019 realizzato in coproduzione con Casa Netural, e in collaborazione con IdLab e John Thackara. www.mammamiaaa.it

Sono stati giorni molto intensi, durante i quali il team ha presentato il progetto alla stampa e a nuovi possibili sponsor, e grazie all’ospitalità di alcune famiglie di Milano, ha testato il progetto con la comunità locale.

Il 10 maggio in Triennale, durante il Milano Food City 2018, festa della cultura del cibo a 360° promossa dal Comune di Milano, si è conferenza stampa per presentare il progetto.
In Mammamiaaa, infatti, proprio il cibo è protagonista, come medium per raccontare e raccogliere storie e tradizioni legate a luoghi e territori.

Matera 2019, mammamiaaa, milano food city

Mammamiaaa è un progetto di design che crea cultura; quella cultura che, come ci ricorda John Thackara: «non è quello che vediamo in un museo, su un piedistallo. Ma il racconto di chi siamo, come viviamo e come vorremmo vivere».

Presenti alla conferenza stampa: Paolo Verri, Direttore Generale della Fondazione Matera (altro…)

Mammamiaaa: l'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche a Casa Netural

Avete sentito parlare di Mammamiaaa? E’ il progetto di Matera 2019, Capitale Europea della Cultura, coordinato da Casa Netural per il programma culturale previsto per tutto il 2019.

Abbiamo da poco svolto una preview a Matera e lanciato i canali social e subito abbiamo incontrato moltissime persone da tutta Italia (e non solo) interessate al progetto, come ad esempio i giovani studenti dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (una vera e propria università del cibo). https://www.unisg.it/

Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo

In visita a Matera per conoscere meglio le attività del programma culturale previsto per il 2019, gli studenti hanno fatto una tappa nella nostra casa a San Pardo, incuriositi da questo progetto che parte proprio dal cibo come catalizzatore della cultura materiale. (altro…)

Incubatore Netural: Eliana Viggiani e L'Albero di Eliana

A Matera continuano i percorsi dell’Incubatore Netural per sviluppare progetti ed idee imprenditoriali in cambio di competenze. Questa volta è stato il turno di Eliana Viggiani, giovane Materana appassionata di sostenibilità che gestisce un noto bed and breakfast nella Città dei Sassi, e ha deciso di partecipare per rivedere il suo progetto e svilupparlo ulteriormente. Samuele l’ha intervistata per sapere di più sul suo percorso.

 

albero eliana incubatore netural matera

 

Ciao Eliana, ci racconti chi sei?
Sono Eliana e vivo a Matera dove gestisco un piccolo b&b nei Sassi. Ho vissuto a Perugia, a Roma e in Australia prima di tornare a Matera e quest’ultima tappa mi ha permesso di esplorare meglio le mie passioni ed ha ispirato in me un cambio di vita. Da qualche anno mi dedico molto alla sostenibilità ambientale e cerco di ispirare chi mi circonda tramite il mio lavoro nel b&b e nella vita di tutti i giorni.

 

Perchè hai deciso di patecipare all’Incubatore Netural? Quale progetto stai sviluppando? (altro…)

A Matera una preview del progetto Mammamiaaa !

Si è svolta il 24 febbraio a Matera una preview di Mammamiaaa , uno dei 27 progetti del programma culturale di Matera 2019. www.mammamiaaa.it

mamma mia matera 2019 mammamiaaa

Il progetto, coordinato da Casa Netural (www.benetural.com) , parte dall’idea di cibo come catalizzatore di identità culturale e si svilupperà attraverso una serie di cene, in Italia e nel resto d’Europa, in cui le famiglie partecipanti condivideranno le proprie storie attraverso il cibo e la cucina, condividendo il proprio racconto con familiari ed estranei. Una grande celebrazione del ruolo della mamma (e non solo) nella cultura materiale.   (altro…)

Incubatore Netural Tour: il viaggio dell'incubatore della cultura creativa

E’ ufficialmente partito il tour di presentazione dell’Incubatore Netural!

Dopo le tappe di Milano e Matera infatti Casa Netural è sbarcata a Potenza, per presentare il suo incubatore della cultura creativa, e altre tappe sono previste nel Centro e Sud Italia.

Incubatore Netural Tour

Il 20 febbraio, accolti dalla community di Gommalacca teatro presso lo spazio civico e teatrale U-Platz, Andrea Paoletti ha presentato ai partecipanti il percorso di incubazione che si tiene a Matera per sviluppare idee imprenditoriali e imprese culturali in cambio di competenze, servizi ed attività . www.benetural.com/incubatore

E durante l’evento è stata presentata anche la Netural Academy, il nuovo programma di corsi di formazione tenuti dai mentor di Casa Netural, tra cui spiccano grandi nomi del design, della comunicazione e della creazione di community, come Stefano Mirti, Aurora Rapalino, Andrea Pugliese, Daniela Selloni e molti altri. www.benetural.com/incubatore/netural-academy

Presenti all’evento molti giovani ragazzi di Potenza, incuriositi dalla possibilità di poter dare forma alle proprie idee in modo accessibile e collaborativo.  (altro…)

Conclusa la seconda edizione de Il Quartiere Ri-luce a Matera

Cala il sipario su questa seconda edizione de Il Quartiere Ri-Luce.

E’ una serata fredda quella in cui le luminarie si spengono nuovamente, ma siamo fortunati, il calore dei bimbi che partecipano entusiasti alle nostre letture “diffuse” nelle case di Maddalena e Caterina scaldano il cuore. 

quartiere ri-luce letture animate bambini

E forse, a pensarci bene, sono stati proprio loro il leitmotiv più bello di questa nuova edizione: entusiasti nel portare il bambinello alla grotta, creativi e professionali nel costruire le lanterne da portare in processione, emozionati e grati nel tagliare il nastro del loro nuovo parco giochi di quartiere, stupiti e increduli di fronte alla bellezza delle luci danzanti tra le vie di San Pardo.
Tanti occhi e bocche spalancate, tante idee da condividere con i grandi, manine piccole e laboriose come di tanti elfetti festanti, che hanno costruito calze della befana e insieme hanno esplorato i giochi dell’aiuola di via Campanella, allestita per loro.

Questa seconda edizione del progetto ha rappresentato l’ennesima conferma di quanto fare squadra sia fondamentale per rigenerare una città anche e soprattutto a partire dai bambini, e di quanto i cittadini possano fare ancora per rendere i luoghi della loro quotidianità sempre più belli e più ricchi di ispirazioni, sempre più vicini alla forma che ognuno desidererebbe dargli.

In questa magia che ogni anno anima San Pardo, però, ci sono alcuni ingredienti segreti.
C’è innanzitutto la squadra, vincente, di due associazioni, Casa Netural e il Quartiere Si Muove, ancora insieme per costruire nuovi percorsi intergenerazionali con un entusiasmo doppio rispetto alla prima edizione e impegnati quotidianamente nella crescita e nella rigenerazione del quartiere. C’è la voglia di alzare l’asticella ad ogni nuovo traguardo, come in questa nuova edizione, con la costruzione di nuove luminarie e la realizzazione del parco giochi per i più piccoli, e infine, c’è la volontà di fare del quartiere la casa di tutti, e di rendere quella casa sempre più accogliente e a misura di chi la abita.

quartiere ri-luce spettacolo teatrale bambini
In fondo la forza del Quartiere RiLuce è nel fatto che, in realtà, al di là dell’appuntamento natalizio, giunto alla sua seconda edizione, il progetto vive tutto un anno, anima le strade della città e aggiunge ogni volta un nuovo traguardo collettivo.

Abbiamo ormai la consapevolezza di vivere un processo di riqualificazione urbana che è soprattutto riattivazione umana, e, forse, è proprio partendo dalla ri-attivazione delle persone che si può sperare di vedere le città diventare nuovamente bene comune e condiviso dai cittadini.
Nel progetto Il Quartiere RiLuce la voglia di attivarsi e di fare è venuta prima di qualsiasi altra azione istituzionale, è nata dal desiderio di due realtà associative del quartiere di rendere il proprio ambiente urbano di riferimento accogliente, innanzitutto per sè stessi e poi per gli altri.
Come tutti i bisogni primari, infatti, anche quello del benessere urbano nasce da un desiderio personale che si fa collettivo nelle azioni che mette in campo: pulire le aiuole, costruire un parco giochi per i bambini, festeggiare insieme una delle feste tradizionali più care alle famiglie diventano azioni comunitarie che fanno bene ai singoli e alla collettività, che nel calore della comunità fanno compagnia alle persone sole, che trasmettono un senso di “insieme” e che danno un valore prezioso dell’ intergenerazionalità.

Il valore immenso di un processo di partecipazione e coinvolgimento di questo tipo ha trovato infatti nello scambio intergenerazionale il suo più grande punto di forza e di generatività. I nonni e i nipoti, i giovani e gli anziani che collaborano insieme per dare un nuovo volto al quartiere, e quindi alla città, rappresentano un processo circolare di rigenerazione non solo dello spazio ma della socialità e della comunità.

quartiere ri-luce matera san pardo

In un processo di questo tipo c’è spazio per tutti, non c’è un limite all’azione se la tradizione e l’esperienza poggiano saldamente su giovani spalle piene di energia e nuove visioni e insieme danno vita a percorsi concreti di cambiamento sociale e urbano e soprattutto rendono possibile disegnare nuove città a partire dai cittadini prima ancora che dalle istituzioni.